Per garantire salute e benessere all’organismo, il Ministero della Salute raccomanda di alimentarsi in maniera sana ed equilibrata e praticare regolare attività fisica. Tale binomio diventa ancora più importante qualora si voglia perdere peso ed eliminare i depositi adiposi.

Tuttavia, molte persone, nella speranza di raggiungere risultati immediati e miracolosi, si affidano a diete fai da te, estremamente pericolose, e a pratiche sportive eccessive o poco efficaci nello smaltimento dei grassi accumulati. É, dunque, importante capire quali cibi sia meglio consumare e quali evitare, ma anche quali esercizi siano in grado di bruciare più calorie e di accelerare il metabolismo basale.

Come alimentarsi correttamente

Una corretta alimentazione prevede l’adeguata e variata combinazione degli alimenti, volta a soddisfare in modo equilibrato il fabbisogno energetico (calorie), nutrizionale (proteine, carboidrati, grassi, vitamine, minerali e acqua) e fisiologico (fibre) dell’organismo, evitando eccessi o carenze nutrizionali.

Esistono differenti tipi di diete alle quali poter fare riferimento, per tanto è bene consultare uno specialista prima di attuare delle modificazioni alimentari, che potrebbero causare intolleranze e alterazioni metaboliche, a volte anche permanenti.

Di norma, è meglio prediligere frutta e verdura, che favoriscono l’apporto di sali minerali, vitamine e fibre, pur mantenendo un basso contenuto calorico. É meglio evitare i grassi saturi, i carboidrati complessi e i prodotti raffinati o sottoposti a processi industriali, poiché tendono a essere ricchi di zuccheri e conservanti.

Per quanto riguarda i pasti che devono essere consumati durante la giornata, esistono diverse scuole di pensiero. Tuttavia, in generale, non bisogna mai evitare la colazione, il pranzo e la cena. Gli spuntini, se attuati in modo corretto, possono aiutare a spezzare la fame e a ridurre il rischio di abbuffate, nonché ad accelerare il metabolismo. É importante anche provvedere all’idratazione del corpo, assumendo almeno 2 l di acqua al giorno, al fine di depurare l’organismo, attraverso l’espulsione delle tossine e delle scorie.

L’attività fisica consigliata

L’attività fisica da attuare per mantenersi in salute non deve essere necessariamente agonistica, purché sia praticata con costanza e regolarità. Per ottenere buoni risultati è bene rivolgersi a delle guide esperte e non porsi dei traguardi impossibili da raggiungere.

La scelta degli esercizi da praticare dipende dallo stato di salute, dalla prestanza fisica e dagli obiettivi che si vuole raggiungere. Da evitare è sicuramente l’attività fisica eccessiva, poiché può portare a danneggiare o traumatizzare l’organismo: è importante agire con gradualità, monitorando costantemente i propri progressi.

Per perdere peso, altamente consigliati sono gli esercizi aerobici, come il nuoto, la corsa, la marcia, la bicicletta, poiché consentono di bruciare molte calorie. Tuttavia, ciò che conta è la durata dell’allenamento, che deve essere praticato per almeno 50 minuti continuativi, e la frequenza cardiaca, che deve raggiungere i livelli necessari per smaltire i grassi accumulati. Questo tipo di esercizio fisico consente di ossigenare i muscoli, migliorando l’efficienza circolatoria e metabolica, favorendo il consumo calorico a riposo.

Il momento migliore per allenarsi è il mattino, prima di fare colazione, quando il corpo è quasi del tutto deprivato delle scorte di glicogeno, che sono state consumate durante il digiuno notturno. Da evitare, invece, è l’attività dopo i pasti, poiché la digestione inibisce l’afflusso di sangue ai muscoli. Per agevolare il dimagrimento è consigliato un lavoro di potenziamento dei gruppi muscolari, da attuare almeno due volte alla settimana, ideale per innalzare il metabolismo basale.

Da tenere in considerazione è anche la camminata che, se praticata per almeno 30 minuti al giorno, a passo spedito, consente, non solo di perdere peso, ma anche di mantenersi in salute, senza sforzare troppo l’organismo.