Sei in cerca di un nuovo monitor per pc? Devi conoscere alcuni dettagli per fare una scelta consapevole senza incorrere in errori di valutazione. Sai già come fare le tue valutazioni? Allora ti consiglio di passare subito alla lista delle recensioni sui migliori monitor pc. Altrimenti procedi nella lettura di questo articolo!

Il bello del libero mercato è che ogni azienda può proporre il proprio prodotto e cerca di superare la concorrenza e se stesso continuamente, così da offrire il prodotto migliore all’interno di una determinata fascia di prezzo. Il problema però è che scegliere diventa sempre più difficile. Lo scopo di questo articolo è aiutarti, quindi mettiti comodo e inizia a leggere!

Esistono due tipologie principali di monitor. C’è il pannello TN (Twisted-Nematic), da un buon paragone qualità/prezzo. La frequenza di aggiornamento è alta. La soluzione perfetta per il gaming. Rispetto agli IPS però hanno un angolo visivo più ristretto e possono esserci dei difetti nella brillantezza. Il Pannello IPS (In-Plane-Switching) vantano infatti angoli di visione più ampi e anche la riproduzione dei colori è migliore. Chiaramente questi vantaggi hanno un costo superiore. Il monitor IPS è indicato soprattutto per una grafica professionale per esempio chi deve fare editing di video.

Sicuramente hai già capito quale dei due ti serve. Adesso però devi prendere in considerazione altre caratteristiche. Sono:

  • La risoluzione: sono tre le principali risoluzioni. La monitor Full HD (1920 x 1080 pixel) è lo standard, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Il monitor 2k (2560 x 1440) è consigliato per un uso professionale. Monitor 4k o Ultra Hd (3840 x 2160 pixel) è la risoluzione attualmente più alta in mercato. Per sfruttare l’ultima risoluzione occorre anche un bel computer potente altrimenti non può essere sfruttata pienamente.
  • Aspect Ratio: rapporto tra altezza e larghezza dello schermo. Nel caso di un display di 19 pollici o meno si usa quella di 4:3. Più il rapporto è alto, più l’immagine è coinvolgente.
  • PPI: la quantità di pixel in un cm quadrato del monitor. E’ un valore importante perché più è alto più è gradevole la grafica.
  • Refresh Rate o Hz: quantità di fotogrammi che possono essere visualizzati in un solo secondo. Più è alto e più le immagini scorrono fluide. Per un uso da ufficio il valore si aggira intorno ai 60 Hz. Per un uso da gaming è di 144 Hz, il valore massimo.
  • Luminosità: è un fattore importante questo perché consente di avere la qualità visiva giusta anche se c’è molta luce. Quella standard è di 250 cd/m2 ma alcuni monitor in commercio è di 300 cd/m2.
  • Grandezza dello schermo: conta molto questo aspetto e si cerca di comprare lo schermo più grande possibile con il budget a disposizione. Un grande errore perché la grandezza dello schermo deve essere scelta in base allo spazio a disposizione nella stanza. Se la stanza è molto piccola e sei costretto a stare vicino alla televisione gli occhi ti si stancano presto. Meglio quindi un monitor più piccolo.