Ci sono tantissime ditte e tantissimi professionisti che si occupano della sostituzione caldaia Roma. Prima di pensare, però, a chiamarne uno è il caso di valutare che sia veramente arrivato il momento di dire addio al proprio vecchio sistema di riscaldamento. Per chi non abbia una grande familiarità con l’argomento, ecco allora qualche indizio di cui poter tenere conto.

Sostituzione caldaia a Roma: quando serve?

  • La vecchia caldaia si blocca spesso o, se è delle più moderne con un display all’esterno, mostra spesso un segno di errore: in entrambi i casi di tratta di segnali di un sovraccarico, un “affaticamento” del sistema che potrebbe rendere necessario sostituirlo.
  • I guasti sono all’ordine del giorno: non importa di che tipo di guasti si tratti (perdite, malfunzionamenti, eccetera), l’aumentare della loro frequenza è quasi sempre correlato a una caldaia datata, non più perfettamente funzionante e che andrebbe sostituita. Guai, comunque, a sottovalutare questi segnali: un guasto alla caldaia potrebbe causare danni a valanga, anche irreparabili, all’intero sistema di riscaldamento della casa, quando non addirittura alle strutture in muratura.
  • I consumi sono troppo alti: una delle ragioni più comuni per cui si può ricorrere alla sostituzione caldaia a Roma, come in tutte le altre grandi città, è proprio la necessità di tagliare sulle bollette. Le caldaie più vecchie, infatti, possono sciupare anche molto e avere, da sole, un peso non indifferente sui consumi della casa.
  • La caldaia non è a norma o non rispetta gli standard previsti in materia. Molte città hanno ormai adottato delle misure per limitare gli effetti negativi che, soprattutto d’inverno, il riscaldamento delle case ha sui livelli di smog, la qualità dell’aria, eccetera. Concretamente ciò significa che le caldaie devono essere omologate secondo gli standard più recenti previsti. A Roma, per esempio, un check up permette a un tecnico specializzato di apporre sulle caldaie che hanno tutto in regola uno speciale Bollino Blu. Nel caso, allora, in cui se ne abbia ancora una eccessivamente vecchia, l’unica alternativa da poter valutare è la sostituzione con una caldaia nuova e a norma.